Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

ALUNNI CON DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO


Disturbi Specifici di Apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento sono fragilità di natura neurobiologica e pertanto non possono essere risolti, ma solamente ridotti (compensazione del disturbo).

Tra questi si possono distinguere:

  • la dislessia evolutiva che è un disturbo settoriale dell’abilità di lettura;
  • la disortografia che è la difficoltà a rispettare le regole di trasformazione del linguaggio parlato in linguaggio scritto;
  • la disgrafia che è la difficoltà a produrre una grafia decifrabile;
  • la discalculia che è il deficit del sistema di elaborazione dei numeri e/o del calcolo.

 

A questi possono associarsi disturbi specifici del linguaggio (disnomia) e quelli legati alla funzione motoria (disprassia).

La presenza di una o più fragilità si evince dalla diagnosi redatta dallo specialista. Il nostro Istituto attiverà il Protocollo previsto per alunni con disturbi specifici di apprendimento ogni qualvolta entrerà in possesso della suddetta diagnosi. In particolare perseguirà le seguenti finalità:

  • garantire il diritto all’istruzione e i necessari supporti;
  • favorire il successo scolastico e prevenire blocchi nell’apprendimento agevolandone la piena integrazione sociale e culturale;
  • ridurre i disagi formativi ed emozionali.

 

La famiglia sarà invitata a collaborare con la nostra scuola al fine di perseguire un armonico sviluppo psico-fisico del proprio figlio/a attraverso la definizione di un PDP (Percorso didattico personalizzato) condiviso.

In modo commisurato alle necessità individuali e al livello di complessità del disturbo, per i suddetti alunni, verrà garantito l’utilizzo di strumenti compensativi cioè tutti quegli strumenti che consentono di evitare l’insuccesso scolastico a causa delle difficoltà dovute al disturbo e l’applicazione di misure dispensative ovvero quegli adattamenti delle prestazioni che permettono all’alunno una positiva partecipazione alla vita scolastica.

Per gli strumenti dispensativi, valutando l’entità e il profilo della difficoltà, in ogni singolo caso, saranno considerati:

  • Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline.
  • Dispensa, ove necessario, dallo studio della lingua straniera in forma scritta.
  • Programmazione di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa.
  • Organizzazione di interrogazioni programmate.
  • Valutazione delle prove scritte e orali con modalità che tengano conto del contenuto e non della forma.

Ulteriori strumenti possono essere utilizzati durante il percorso scolastico, in base alle fasi di sviluppo dello studente ed ai risultati acquisiti.

 

Il PDP (Percorso Didattico Personalizzato) viene introdotto dalla diagnosi dello specialista a cui fanno seguito le osservazioni/considerazioni dei docenti del Consiglio di Classe e della famiglia. Di seguito verranno considerate le caratteristiche del processo di apprendimento e verrà valutata la consapevolezza da parte dell’alunno del proprio modo di apprendere, dopodichè si metteranno in atto le strategie metodologiche e didattiche opportune.

 

Documenti:

Protocollo di accoglienza alunni con DSA

Modello PDP (a.s. 2015/2016)

 

Materiale utile:

Legge 8 ottobre 2010, n. 170

Linee guida sui DSA

D.M. 5669 del 12 luglio 2011

 

Link utili:

 

http://www.dislessia.it/
Sito dell’AID, Associazione Italiana Dislessia.

http://www.dislessia.org/
Sito della Sezione Romana dell’Associazione Italiana Dislessia

http://www.ospedalebambinogesu.it/portale/opbg.asp?iditem=1388&idon=128
La Dislessia Evolutiva è una difficoltà selettiva nella lettura- in presenza di: capacità cognitive adeguate , adeguate opportunità sociali e relazionali; -in assenza di: deficit sensoriali e neurologici ,disturbi psicologici primari.

http://www.logopedista.it/
Il portale italiano della logopedia. Spazio anche ai disturbi specifici di apprendimento.

http://www.aifa.it/
L’A.I.F.A. Onlus, un’Associazione con finalità di solidarietà sociale, informazione e divulgazione scientifica sul Disturbo da Deficit di attenzione e iperattività (ADHD: Attention Deficit Hyperactivity Disorder)

http://www.aidai.org/
AIDAI – Associazione Italiana Disturbi Attenzione e Iperattività

http://www.sinpia.it/
SINPIA – Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Dicembre 2015 07:49