HomeNews

Notizie

Termini e modalità di presentazione della domanda di partecipazione agli Esami di Stato

Esame di Stato 2012-2013

In relazione alle modalità e ai termini di presentazione delle domande di partecipazione agli esami di Stato da parte dei candidati interni ed esterni per l’anno scolastico 2017/2018 e alla procedura di assegnazione dei candidati esterni alle istituzioni scolastiche, si rende noto uno stralcio della C.M. n. 8 prot. n. 12523 del 10-10-2017

Si   indicano di seguito le date di presentazione delle domande:

TERMINE

PRESENTAZIONE

DOMANDA

SOGGETTI INTERESSATI

DESTINATARI DOMANDA

30 novembre 2017

Alunni dell’ultima classe (Candidati interni)

Dirigente scolastico della scuola frequentata

31 gennaio 2018

Alunni  della  penultima  classe  per abbreviazione per merito (Candidati interni)

Dirigente scolastico della scuola frequentata

30 novembre 2018

Candidati esterni

Direttore Generale o Dirigente preposto all’Ufficio Scolastico Regionale della regione di residenza

20 marzo 2018

Alunni        con        cessazione        della frequenza delle lezioni dopo il 31 gennaio     2018     e     prima     del     15 marzo 2018 (Candidati esterni)

Direttore Generale o Dirigente preposto all’Ufficio Scolastico Regionale della regione di residenza

Si precisa che il 31 gennaio 2018 rappresenta il termine ultimo di presentazione di eventuali domande tardive, ammesso limitatamente a casi di gravi e documentati motivi. L’esame di tali istanze è rimesso alla valutazione esclusiva dei competenti dirigenti

1. REQUISITI RICHIESTI

-   Alunni dell’ultima classe

Termine presentazione domande: 30 novembre 2017

Ai sensi dell’articolo 6, comma 1, D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122, sono ammessi agli esami di Stato gli alunni dell’ultima classe che, nello scrutinio finale, conseguono:

-  una votazione non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente;

-  un voto di comportamento non inferiore a sei decimi.

Ai fini della validità dell’anno scolastico, compreso quello relativo all’ultimo anno di corso, per gli studenti di tutte le classi di istruzione secondaria di secondo grado, è richiesta, ai sensi dell’art. 14, comma 7, del DPR 22 giugno 2009, n.122, la frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato.

-  Alunni dell’ultimo periodo dei percorsi di istruzione degli adulti di secondo livello

Termine presentazione domande: 30 novembre 2017

Ai fini dell’ammissione all’esame di stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione si richiamano le disposizioni dettate dall’art. 6 del DPR 122 del 2009 che si intendono confermate anche per i percorsi di istruzione degli adulti di secondo livello con le seguenti precisazioni.

Sono ammessi agli esami di stato gli adulti iscritti e frequentanti i percorsi di istruzione di secondo livello che, nello scrutinio finale, conseguono una votazione non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi, ivi comprese quelle per le quali è stato disposto, ad esito della procedura di riconoscimento dei crediti condotta dalla Commissione di cui all’art. 5, comma 2 del DPR 263/12, l’esonero dalla frequenza di tutte le unità di apprendimento ad esse riconducibili.

In sede di scrutinio finale il consiglio di classe, attribuisce il punteggio per il credito scolastico di cui all'articolo 11 del decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 1998, n. 323, e successive modificazioni, moltiplicando per due il credito scolastico attribuito ad esito dello scrutinio finale del secondo periodo didattico sulla base della media dei voti assegnati, tenuto della tabella A allegata al DM 99/2009.

Ai fini della validità dell'anno scolastico, compreso quello relativo al terzo periodo didattico, per procedere alla valutazione finale (e intermedia) di ciascun adulto, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell'orario del percorso di studio personalizzato (PSP) definito nel Patto formativo individuale. Al riguardo, si precisa che il monte ore del percorso di studio personalizzato (PSP) è pari al monte ore complessivo del periodo didattico sottratta la quota oraria utilizzata per le attività di accoglienza e orientamento (pari a non più del 10% del monte ore medesimo) e quella derivante dal riconoscimento dei crediti. Con l’occasione, si ribadisce che nell’ambito delle misure di sistema promosse in applicazione dell’art.11, co. 10 del DPR 263/12 è stato indicato che la misura massima dei crediti riconoscibili ad esito della procedura di riconoscimento non può di norma essere superiore al 50% del monte ore complessivo del periodo didattico.

Fermo restando la prescritta frequenza, le motivate deroghe in casi eccezionali sono deliberate dal collegio dei docenti a condizione che le assenze complessive non pregiudichino la possibilità di procedere alla valutazione stessa. L'impossibilità di accedere alla valutazione comporta la non ammissione all'esame di stato.

I candidati dei percorsi di istruzione di secondo livello sostengono come noto l’esame sui nuovi ordinamenti definiti dal DPR 263/12 e disciplinati dal DI 12 marzo 2015.

- Alunni della penultima classe per abbreviazione per merito

Termine presentazione domande: 31 gennaio 2018

Ai sensi dell’articolo 6, comma 2, del DPR 22 giugno 2009, n. 122, sono ammessi, a domanda, per abbreviazione per merito, direttamente agli esami di Stato del secondo ciclo gli alunni della penultima classe in possesso dei seguenti requisiti:

a)  avere riportato, nello scrutinio finale della penultima classe, non meno di otto decimi in
ciascuna disciplina o gruppo di discipline e non meno di otto decimi nel comportamento;

b)     avere seguito un regolare corso di studi di istruzione secondaria di secondo grado;

c)      avere riportato una votazione non inferiore a sette decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline e non inferiore a otto decimi nel comportamento negli scrutini finali dei due anni antecedenti il penultimo, senza essere incorsi in ripetenze nei due anni predetti.

Le votazioni suddette non si riferiscono all’insegnamento della religione cattolica.

Si precisa che i candidati non devono essere incorsi nella sanzione disciplinare della non ammissione all’esame di Stato, prevista dal DPR 24 giugno 1998, n. 249, come modificato dal DPR 21 novembre 2007, n. 235.

Pagamento della tassa per esami e del contributo

(D.P.C.M. 18 maggio 1990 e Nota 25 febbraio 2015, n. 1647)

Il versamento della tassa erariale per esami da parte dei candidati interni è richiesto dalle istituzioni scolastiche all’atto della domanda di partecipazione all’esame di Stato.

Si riepilogano di seguito gli adempimenti per gli alunni interni:

30 novembre 2017, termine di presentazione della domanda da parte dei candidati interni al proprio dirigente scolastico;

- 31 gennaio 2018, termine di presentazione della domanda al proprio dirigente scolastico da parte degli alunni frequentanti la penultima classe per abbreviazione per merito

Gli alunni devono essere in regola con il versamento di tasse e contributi scolastici e devono aver consegnato alla scuola   il Diploma di Licenza Media in originale.

La domanda deve essere compilata sull’apposito modulo allegato, che viene consegnato a ciascuno studente,   e deve essere corredata dalla seguente ricevuta di versamento:

tassa di 12,09 sul c/c n. 1016 intestato all’Agenzia dell’Entrate Tasse Scolastiche, causale: Tassa Esame.

Si rammenta, infine, che, ai sensi dell’art. 2 della O.M. n. 533 del 01/08/2017 , la prima prova scritta dell’esame di Stato di istruzione secondaria di secondo grado si svolgerà il giorno 20 giugno 2018 alle ore 8.30.

Allegati:

Modello di domanda per i candidati interni
C.M. n. 8 del 10/10/2017
O.M. n. 533 del 01/08/2017
Modello di domanda per candidati esterni
Dichiarazione di residenza (solo per i candidati esterni)

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Novembre 2017 13:03

 

Validità anno scolastico

Il Dirigente Scolastico

Visto l’art. 14 comma 7 del DPR 122/09;

Vista la C.M. n. 20 del 4.03.2011;

Visto il verbale n. 2 del Collegio dei Docenti dell’ 11 ottobre 2017;

Visti i percorsi di studio presenti in questa Istituzione Scolastica e i relativi piani orario

comunica

il monte ore annuo di riferimento e il limite massimo di ore di assenza per la validità dell’anno scolastico:

-  indirizzi ITTL, ITCAT, ITEC/ITMM curricolari
classi prime: monte ore annuale: 1089 h limite massimo ore di assenza: 272 h

-  indirizzi ITTL, ITCAT, ITEC/ITMM curricolari

classi seconde, terze, quarte e quinte: monte ore annuale: 1056 h limite massimo ore di assenza: 264 h

- Corsi serali

classi terze e quinte: monte ore annuale 759h limite massimo ore di assenza: 190 h

classi quarte: monte ore annuale 792h limite massimo ore di assenza: 198 h

comunica

altresì, i criteri di validazione dell’a.s. in deroga, deliberati dal Collegio dei Docenti:

 

  • Motivi di salute, adeguatamente documentati e/o giustificati con certificato medico: ricovero ospedaliero o cure domiciliari, visite specialistiche, accertamenti diagnostici, terapie o cure programmate ecc.;
  • Motivi di lavoro, solo per studenti lavoratori e debitamente documentati;
  • Donazioni di sangue;
  • Partecipazione ad attività sportive ed agonistiche organizzate dalla scuola o da federazioni riconosciute dal CONI;
  • Motivi personali e/o familiari adeguatamente documentati (provvedimenti dell’autorità giudiziaria; gravi patologie e lutti di parenti entro il II grado ecc.);
  • Uscita anticipata per seguire le lezioni del Conservatorio;
  • Ore di religione per coloro che non si avvalgono dell’IRC e che escono dalla scuola su richiesta della famiglia;
  • Adesione a confessioni religiose per le quali esistono specifiche intese che considerano il sabato come giorno di riposo, su auto - certificazione e richiesta specifica della famiglia;
  • Uscite   anticipate   per   alunni   diversamente   abili   che   seguono  una   programmazione differenziata su richiesta della famiglia e parere del GLHO.

Tutte le assenze dovute ai suddetti motivi devono essere adeguatamente e tempestivamente documentate.

Le suddette deroghe sono consentite purché non pregiudichino, a giudizio del Consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati.

Per quanto riguarda i percorsi di Istruzione per gli adulti, ai fini del calcolo del monte ore di assenza per la validità dell’anno scolastico, di norma si considera quanto sopra indicato, ma, ai fini del calcolo del monte ore individualizzato, va anche considerato il patto formativo individualizzato stipulato con ciascun studente, nel quale sono indicati i crediti formativi formali e non formali maturati e certificati che permettono agli studenti di essere esonerati dalla frequenza di tutte le ore di lezione.

Per quanto riguarda i percorsi di Alternanza scuola-lavoro, gli stage, i viaggi studio ecc si ricorda che gli alunni, pur assenti a scuola, sono impegnati in attività didattiche a tutti gli effetti. I tutor segnaleranno al coordinatore di classe esclusivamente le eventuali ore di assenza alle suddette attività, e solo queste saranno computate.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Novembre 2017 12:45

 

Orario definitivo Corso Serale

Orario lezioni

Orario definitivo delle lezioni

Percorso di Istruzione per Adulti

in vigore dal 30-10-2017

Orario lezioni

 

Orario delle classi del Corso per Adulti

Orario dei docenti del Corso per Adulti

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 02 Novembre 2017 14:55

 

Possibile sciopero del personale della scuola

Sciopero personale della scuola del 27/10/2017

 

Si avvisano i genitori degli alunni dei nostri Istituti, che in occasione dello sciopero nazionale indetto da CUB, SGB, SI-COBAS, USI-AIT e SLAI-COBAS, per l'intera giornata del 27/10/2017, potrebbe non essere assicurato il normale svolgimento delle lezioni e la normale vigilanza scolastica.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Ottobre 2017 09:00

 

Elezioni dei rappresentanti dei genitori nei Consigli di Classe

Elezioni rappresentanti dei genitori

Ai sensi dell’O.M. n. 215 del 1991, le assemblee di classe dei genitori sono convocate:

VENERDI’ 27 OTTOBRE 2017 ALLE ORE 16.00

I lavori si svolgeranno con le seguenti modalità:

  1. In una prima fase le assemblee saranno presiedute da un insegnante, delegato dal Dirigente scolastico, che spiegherà le funzioni dell’organo da eleggere; seguirà un dibattito sulla situazione della classe.
  2. Al termine della discussione si costituirà il seggio elettorale, con la nomina di un Presidente e di due scrutatori, tutti scelti fra i presenti, e si darà inizio alle votazioni. I seggi rimarranno aperti fino alle ore 19.00
  3. Nell’eventualità in cui gli elettori di una o più classi siano presenti in un numero così esiguo da non permettere la costituzione del seggio, è consentito far votare gli elettori presenti nel seggio di un’altra classe, nella quale, perciò, dovranno essere trasferiti gli elenchi elettorali e le schede.

Si precisa che:

  • Tutti i genitori inseriti negli elenchi di una classe hanno diritto di voto e possono essere eletti.
  • Ogni elettore può esprimere una sola preferenza.
  • I docenti si terranno a disposizione fino all’avvenuta costituzione dei seggi elettorali.
  • I coordinatori di classe sono invitati a verificare l’avvenuta comunicazione alle famiglie raccogliendo il tagliando per ricevuta.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Ottobre 2017 15:04

 

Pagina 1 di 6