HomeProgetti

Progetti

Progetto “SCUOLA alternATTIVA” - Modulo "Universo giovani a fumetti"

PON 2014-2020

Unione Europea

 

Progetto PON “SCUOLA alternATTIVA”

Modulo "Universo a fumetti"

 


E' terminato con successo il modulo "Universo giovani a fumetti" del progetto PON "SCUOLA alternATTIVA", presentato dall'ISS "Rotundi Fermi" di Manfredonia.
L'iniziativa formativa è stata fortemente voluta dalla Dirigente Scolastica dell'Istituto, prof.ssa Paola Guida, convinta assertrice del valore didattico e non soltanto ludico del fumetto.
Gli alunni, per la realizzazione del modulo, sono stati supportati dalla prof.ssa Angela Coccia ed hanno avuto come docente esperto il noto fumettista Giuseppe Guida, creatore e autore di una delle migliori graphic novel di quest'anno "Michelangelo - la parete perfetta" ma anche del premiatissimo albo"Le super maestre".
Hanno affrontato il tema del bullismo,in particolare del cyberbullismo, utilizzando appieno il linguaggio del fumetto e le tecniche apprese.
Il modulo è stato strutturato in modo pluridisciplinare con lo sviluppo di diverse abilità e competenze: scrittura creativa per l 'elaborazione dei testi, tecniche per produrre immagini con il disegno e/o gli strumenti elettronici, educazione alla legalità.
Il lavoro dei ragazzi è risultato particolarmente interessante tanto da meritare un premio e la menzione speciale "miglior storia grafica " in occasione del Concorso "Combattiamoli a suon di matita", organizzato nell'ambito del Festival del nerd di Foggia, edizione 2018, la fiera del fumetto più importante di Capitanata.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Luglio 2018 08:49

 

Progetto "Pillola Rossa, Pillola Blu" - La filosofia nella nostra scuola

Progetto di filosofiaAll’I.I.S.S. “Rotundi- Fermi”, nell’anno scolastico 2017- 2018, si è tenuto il primo corso di filosofia, si tratta  non di un inserimento curriculare, ma di un progetto innovativo e sperimentale che ha coinvolto gli studenti dei tre indirizzi di studio, in orario pomeridiano. Ieri, gli studenti e i docenti referenti, Prof.ssa Attanasio  Anna Rita, prof. Luciano Riccardi e la prof.ssa Troiano Emmanuela alla presenza della Dirigente, prof.ssa Paola Guida e della tutor, prof.ssa Lucia Prencipe, hanno relazionato sui risultati ottenuti.

“Pillola rossa – Pillola blu, questo è il nome che abbiamo scelto per il nostro corso di quest’anno perché siamo sempre dinanzi ad una scelta, ad un bivio, ad una o cento possibilità. Le cose che vediamo, che ci accadono, nonostante la loro evidenza non sono sempre così come si presentano a noi e  noi abbiamo bisogno di capire qual è la verità” - spiegano Miriana e Maria Rita  della VA ITCAT.

Discutono di libertà, verità, valori, i ragazzi  e le ragazze del Rotundi –Fermi, di questioni cruciali come l’identità e la differenza, la giustizia, i fenomeni migratori.

Durante il corso attraverso letture, giochi filosofici, il dialogo, la rappresentazione grafica e la drammatizzazione hanno posto questioni e cercato risposte, nel confronto hanno  scoperto e riconosciuto i vari  punti di vista. La dialettica degli opposti, un tema complesso, ardito, quello indicato ad inizio anno. “Una decisione non casuale – ci racconta la prof.ssa Attanasio-  ma coerente ad un percorso cominciato quattro anni fa sulla differenza di genere, con il passare del tempo siamo voluti andare più a fondo, ricercare il significato ontologico e gnoseologico della differenza, in modo semplice, non cattedratico, tenendo conto sempre del vissuto degli studenti”.

I ragazzi sono entusiasti di un’esperienza che giudicano originale e formativa. “ Ci ha spinto a metterci in discussione, a interrogarci  e a rivedere certe posizioni, guardando l’altro in modo diverso come non avremmo mai pensato di fare - dice Filomena della III B  ITTL.

La riflessione filosofica, alla maniera socratica, ha attraversato tutti, mostrando la debolezza delle argomentazioni che reggono la falsa dicotomia tra cultura umanistica e  cultura tecnica.

“La pratica filosofica, ritenuta da molti astratta e inutile, appartiene a  tutti, il pensiero va  allenato e mai come in questo nostro tempo ciò è necessario. I ragazzi vanno educati al pensiero divergente,  a risolvere problemi, ad avere stima di sé, ad avere relazioni con l’altro, a valutare in modo autonomo,  tutte competenze trasversali, indispensabili per collocarsi nel mondo, e  nel mondo del lavoro” - continua la prof.ssa Attanasio.

“Noi abbiamo scelto di fare come Alice nel Paese delle meraviglie: ruzzolare nella tana del bianconiglio, ci siamo persi tra l’essere e il non essere di Parmenide, le ombre di Platone, la tesi e l’antitesi di Hegel, ma non è stato poi cosi male” - conclude Domenico della V B ITCAT.

Dopo aver incontrato questi ragazzi, verrebbe da dire: Nei nostri istituti scolastici, quanta Alternanza Scuola Lavoro e quanto poco “essere”!

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Giugno 2018 12:27

 

Un centro di aggregazione giovanile grazie allo sport: a Manfredonia arriva il progetto “#unmaredisports”

Si chiama #unmaredisports ed è il progetto promosso dal sempre più sorprendente Istituto Superiore “Rotundi-Fermi” di Manfredonia. Il progetto dell’Istituto manfredoniano, finanziato con fondi M.I.U.R. della legge 440 dedicati alla misura “Utilizzo spazi territoriali e Campus residenziali”, unico delle scuole superiori dell’intera Regione Puglia, si è classificato al 18° posto nella graduatoria nazionale comprendente circa 200 scuole di tutte le parti d’Italia e beneficerà di un finanziamento di 70.000 euro.

L’iniziativa interesserà a titolo gratuito non solo gli studenti dell’Istituto “Rotundi-Fermi” ma anche adolescenti della città ed è finalizzata all’avviamento alla pratica sportiva e motoria come strumento di sviluppo dell’educazione permanente e per prevenire, arginare, contrastare il fenomeno della devianza giovanile.

Facendo leva sulla evidente attrazione dei ragazzi per il mare e le sue coinvolgenti attività sportive come il canottaggio e la vela, il progetto mira ad individuare uno spazio per i giovani dove la condivisione dell’interesse comune verso il mare e lo sport favorisca l’aggregazione e la vita sociale. In questo spazio i ragazzi potranno svolgere attività sportiva di canottaggio e vela.

A gestire l’organizzazione e la realizzazione dell’intero progetto è appunto il rinnovato Istituto superiore, polo tecnologico della città, rappresentato dalla Prof.ssa Paola Guida – Dirigente che in questi anni si è dimostrata una miniera inesauribile di idee progettuali innovative.

l’I.I.S.S. Rotundi-Fermi” è capofila di una rete di scopo costituita dal Comune di Manfredonia, dalla Lega Navale Italiana – sezione di Manfredonia, dall’ASD Delfino di Manfredonia e dall’ASD canottaggio Delfino di Manfredonia.

Il polo tecnologico sipontino che si caratterizza per essere anche l’unico istituto nautico (secondo la vecchia denominazione) della Capitanata e del territorio, grazie al progetto #unmaredisports, intende promuovere e valorizzare discipline sportive legate alla poco sfruttata tradizione marittima locale e che, proprio attraverso questo finanziamento, potrà essere un volano per la creazione di un movimento sportivo giovanile territoriale.

L’intera attività, infatti, sarà orientata a sviluppare proprio le capacità relazionali tra gli adolescenti, la consapevolezza in sé stessi, il fair play e potenzierà il senso di coesione sociale e l’integrazione tra adolescenti normodotati e quelli con bisogni speciali attraverso lo sport.

Tutte le attività, saranno finalizzate allo “star bene” con sé stessi e si realizzeranno in orario pomeridiano.

Articolo originale tratto da Manfredonianews.it

 

Le numerose attività svolte nell'ambito del progetto sono visibili visitando il gruppo facebook #unmaredisports

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Giugno 2018 11:07

 

Da Manfredonia il primo progetto di “Alternanza Scuola Lavoro” sulla Blue Economy

PON 2014-2020

Unione Europea

Da Manfredonia il primo progetto di “Alternanza Scuola Lavoro” sulla Blue Economy

Nautico e Consorzio Gargano Pesca: esperimento riuscito

 


Pierandrea Ricciardi, Francesco Serrano, Salvatore Palumbo, Romano Ferri, Costantino Tedesco, Matteo Trotta, Christian Bianco, Giuseppe Mingerulli, Giuseppe La Macchia, Alex Scistri, Federico Pontonio, Nicola Francavilla, Marco Nenna, Matteo Salvemini, Antonio Saracino: sono i quindici alunni dell’ultimo anno del Nautico dell’ITS Rotundi-Fermi” di Manfredonia che hanno realizzato il primo progetto di “Alternanza Scuola – Lavoro” a livello nazionale sulla Blue Economy. E’ partito da Manfredonia e sta diventando un caso nazionale, il progetto di Alternanza Scuola Lavoro che ha visto gli studenti protagonisti della realizzazione di tre attività legate alla blue economy nel segno dell’innovazione e dell’economia circolare. Gli allievi sono stati ospiti per un mese del Consorzio Gargano Pesca di Manfredonia che raggruppa sei aziende attive nel settore della maricoltura, molluschicoltura, alghicoltura ricerca scientifica ed innovazione tecnologica applicata all’economia del mare dislocate tra Manfredonia, Monte Sant’Angelo ed il Lago di Varano. Divisi in gruppi, gli studenti si sono alternati nelle attività aziendali sia a mare sia a terra, provando tutti l’esperienza della Blue Economy a tutto campo provando le diverse possibilità occupazionali che possono nascere dalle attività legate a mare. Hanno partecipato alle attività ordinarie come la pesca ed il confezionamento del pesce allevato a Manfredonia che raggiunge giornalmente i mercati nazionali, sia nelle attività a mare come i cambi rete, l’alimentazione, l’impesciamento e la sistemazione di ancore e boe. Si sono cimentati nella prima semina di ostriche nostrane e vongole in sistema galleggiante tra Manfredonia ed il Lago di Varano, partendo dallo Schiuditoio di Monte Sant’Angelo, spaziando dalla creazione di nodi, alla semina in ceste, alla calibratura, la schiusa delle larve fino all’utilizzo dei microscopi. Hanno realizzato un orto ed un recinto recuperando plastica e pedane di scarto, dimostrando che anche in spazi ridotti è possibile l’acquaponia e la trasformazione in risorse dei materiali più disparati. Si sono misurati con la realizzazione di una stiva e l’applicazione dei criteri della logistica ad un magazzino. Hanno lavorato coordinati dalla dirigente scolastica Prof. Paola Guida, i proff.: Matteo Mangano, Valentina Falco, Lucia Prencipe, Anna Marchione e Domenico Zannelli e dai tutor aziendali: Michela e Francesca Cariglia. L’esperienza positiva sta facendo il giro d’Italia e molte scuole sono interessate al modello “Blue Economy” che parte da Manfredonia e chissà che non nascano nuove iniziative imprenditoriali ed occupazionali. A chiusura dell’esperienza ed a visionare i risultati tangibili, i ragazzi hanno ricevuto la visita del Segretario Generale dell’Autorità Portuale di Sistema Adriatico Meridionale Tito Vespasiani, del comandante della Direzione Marittima di Bari Amm. Ammiraglio Giuseppe Meli e del Comandante della C.P. di Manfredonia CF. Silvio Del Casale.

Irene Manuela Masciopinto

 

Articolo originale tratto da Manfredonianews.it

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Maggio 2018 09:03

 

Determina a contrarre per l’acquisto di materiale per i Moduli del Progetto PON “SCUOLA alternATTIVA”

PON 2014-2020

Unione Europea

Determina a contrarre per l’acquisto di materiale per i Moduli del

Progetto PON “SCUOLA alternATTIVA”

di cui all’Avviso pubblico MIUR prot. n. 10862 del 16/09/2016

 


IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Premesso che si rende necessario l’acquisto di materiale di facile consumo (risme A4 e A3, punti per cucitrice, block notes, faldoni c/lacci, cartelline in prespan c/alette e elastico, gomme matita, temperamatite, penne bic, evidenziatori, colla stick, buste in pvc, forbici, matite, album da disegno, cartelline manila, cartoncino per attestati, raccoglitori 4 anelli, pastelli colorati, cucitrici e pen drive) per i n. 7 Moduli del Progetto PON “SCUOLA alternATTIVA” al fine della realizzazione del progetto in oggetto.
Visto il D.lgs 163/2006 e ss.mm.ii.;
Visto il D.P.R. 275/1999;
Vista la legge 59/1997;
Visto il D.lgs 165/ 2001 e ss.mm.ii.;
Visto il D.P.R. 207/2010
Visto il D.I. n. 44/2001;
Vista la nota autorizzativa Miur Prot. n. AOODGEFID 28616 del 13/07/2017 con cui è stato reso pubblico l’elenco dei progetti autorizzati e di conseguenza dichiarati ammissibili a finanziamento;
Vista la delibera del Consiglio di Istituto n. 1 del 19 dicembre 2016, di approvazione del Programma Annuale Esercizio Finanziario 2018;
Viste le richieste presentate dai docenti esperti e dai tutor;
Visto che i Moduli sono già avviati;
Atteso che le Pubbliche Amministrazioni sono tenute ad approvvigionarsi attraverso le convenzioni ed accordi quadro stipulati e messi a disposizione dalla Consip S.p.a.
Preso atto che non risultano convenzioni CONSIP attive per la suddetta fornitura;
Verificato che i prodotti richiesti rientrano tra quelli offerti dal Me.Pa.- Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione nella categoria “Cancelleria, Carta, Consumabili da stampa e Prodotti per il restauro”;
Dato il modico importo di spesa, che consente il ricorso alla procedura dell’acquisizione in economia tramite affidamento diretto ai sensi dell’art. 125 del D.lgs. 163/2006;
Rilevato che da una indagine dei prodotti offerti sulla piattaforma MEPA, dai vari fornitori abilitati è emerso che la ditta Francesco TUPPI ha nel proprio catalogo tutti i prodotti da richiedere ed è risultata più vantaggiosa, come si evince dalle schede di comparazione allegate;
Accertato che la succitata ditta possiede i necessari requisiti di affidabilità e professionalità;
Acquisito il n. CIG n. Z6122F9FCE attribuito alla presente procedura ai fini della tracciabilità dei flussi finanziaria;

DETERMINA

  1. di affidare alla ditta Francesco TUPPI la fornitura di materiale citato in premessa a mezzo ordine diretto di acquisto tramite Me.Pa.;
  2. di impegnare la spesa complessiva di € 1.219,88 comprensiva di IVA 22% all’aggregato P249.2.1.4 della gestione in conto competenza del programma annuale per l’esercizio in corso, relativamente al corrispettivo per la fornitura in parola;
  3. di evidenziare il CIG n. Z6122F9FCE relativo all’acquisto in oggetto in tutte le fasi dell’istruttoria;
  4. di precisare che:
    • il fine di pubblico interesse che si intende perseguire con il contratto è quello di fornire a questa Istituzione Scolastica il materiale in oggetto per l’attività dell’Istituto;
    • l’oggetto del contratto è la fornitura del materiale di cui alla premessa;
    • il valore economico è di € 1.219,88;
    • la forma del contratto sarà definita on-line tramite il portale acquisti in rete a mezzo firma digitale;
    • di individuare quali clausole negoziali quelle riportate nell’ordine diretto di acquisto,
    • la modalità di scelta del contraente è quella della procedura in economia regolamentata dal mercato elettronico al prezzo più basso.
  5. di assegnare il presente provvedimento al DSGA dott.ssa Lucia Tridente per la regolare esecuzione.

 

Allegati:

Determina a contrarre per l’acquisto di materiale per i Moduli del Progetto PON “SCUOLA alternATTIVA”

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Maggio 2018 14:52

 

Pagina 1 di 18